22 Luglio 2011

Treno+bici in Europa? Sì

Con le ferrovie austriache e tedesche occasioni splendide di ciclovacanze, facili e comode, anche con i bimbi al seguito


Vai alle foto

Una vacanza sui pedali lungo le ciclabili più belle del Nord Europa, senza il problema di dover parcheggiare l’auto. L’estate dei cicloturisti italiani diventa più ricca e comoda con le proposte bici+treno lanciate dalle ferrovie tedesche, svizzere e austriache.

La formula è semplice e veloce: permette di arrivare in Austria, Svizzera, Germania e perfino in Danimarca, lì dove le due ruote sui vagoni sono ormai un’abitudine al pari delle ciclabili, suggestive e super attrezzate. Sfruttando i collegamenti ferroviari estivi dall’Italia, si può dunque pianificare il cicloviaggio lungo le piste più famose d’Europa lasciando l’auto per portarsi dietro la propria bici. Cosa ancora più facile, si possono noleggiare le due ruote nella stazione di arrivo e riconsegnarle nell’ultima destinazione.

Entrando nel dettaglio, chi punta alla Germania può contare sul treno City Night Line 484/485  che parte da Roma alle 19.05 e, passando da Firenze, Bologna, Verona, Innsbruck, arriva a Monaco alle 6.30 del mattino dopo. Altro collegamento da Venezia per Monaco, con partenza dalla laguna veneta alle 22.51. E ancora: chi vuole raggiungere la cittadina di Passau , per cominciare da lì la ciclabile del Danubio Passau-Vienna in bicicletta, può proseguire da Monaco con i treni regionali abilitati al trasporto della bici (il costo è di 4,50 euro). Chi vuole raggiungere Vienna, può salire con la propria bici sul treno delle ÖBB (Ferrovie Austriache) EN 1236/1237 che copre la tratta Roma/Firenze/Bologna-Vienna. Il treno parte dall’Italia ogni sabato fino al 24 settembre mentre il ritorno dall’Austria è previsto il venerdì.

La capitale austriaca è la base ideale di partenza per una vacanza sui pedali. Dalla regina delle piste, la Passau-Vienna lungo il Danubio fino ai percorsi protetti di Carinzia, Stiria e Burgenland, le ciclabili attraversano il Paese in lungo e in largo così come i treni speciali regionali, attrezzati per il trasporto delle bici, senza obbligo di prenotazione. Come si fa a organizzare il viaggio internazionale in treno? Per arrivare in Germania e da qui fino ad Amsterdam e Copenaghen, basta acquistare, negli uffici italiani DB, il biglietto e la prenotazione, con tariffe scontate da 29 euro in su per il passeggero e di 10 euro per la bici.

I prezzi a persona possono variare in base alla disponibilità dei posti, per questo conviene prenotare con buon anticipo. Sul sito della Deutsche Bahn, anche in lingua italiana, è facilissimo trovare i collegamenti con il trasporto della bici. Stesse modalità per l’acquisto del biglietto per l’Austria; il prezzo per il trasporto bici è di 12 euro a tratta, poi bisogna aggiungere la prenotazione per il passeggero con posto a sedere da 29 euro in su, oppure in cuccetta a partire da 49 euro o nei vagoni letto con tariffe da 69 euro.

Ottimo il livello del servizio treno+bici anche in Svizzera  dove quasi tutti i treni hanno posto per le due ruote e si possono noleggiare le bici in molte stazioni della rete ferroviaria nazionale (www.rentabike.ch) per riconsegnarle alla sera o alla fine del viaggio. Così la fatica del trasporto è minima. I bambini con Carta Junior e i bambini inferiori ai 6 anni possono caricare gratuitamente la loro bici se sono accompagnati dai genitori. Chi cerca avventure sorprendenti, può puntare alla Danimarca cominciando il viaggio con il treno notte della City Night Line che parte da Basilea, in Svizzera, alle 21.07 e arriva a Berlino alle 7.20. Scesi dal treno, si salta in sella lungo la ciclabile Berlino-Copenaghen: 630 chilometri in libertà tra due grandi capitali europee.

La pista prevede una piccola traversata via mare e dalla capitale tedesca a quella danese offre paesaggi spettacolari, arte, cultura e servizi mirati per i cicloturisti. Per il ritorno si sale sul treno diretto Copenaghen-Basilea alle 18.20. I prezzi partono da 133 euro a persona, inclusa la prenotazione in cuccetta, andata e ritorno, con prenotazione per la bici in andata (il biglietto-bici del ritorno deve essere acquistato sul posto). Non solo. In Austria sono previste tariffe convenienti per i gruppi di cicloturisti (almeno 5 persone) con sconti fino al 40 per cento sul prezzo normale e il trasporto gratuito delle bici (è il biglietto “1-PLUS-Freizeitticket”). Agevolazioni anche per ragazzi fino a 26 anni.

Occhio poi ai “Rad-Tramper-Zuege” (i treni navetta per i ciclisti): nei giorni segnalati sull’orario ufficiale collegano le mete austriache più gettonate dai ciclisti come ad esempio Passau, Krems, Wachau, Neusiedler See, Ybbstal ed hanno carrozze-bici attrezzate per salire e scendere in modo facile e veloce grazie all’aggancio facilitato della ruota al porta-bici. Per saperne di più, cliccate sui siti delle ferrovie tedesche DB e austriache ÖBB.

INFO

Ufficio Prenotazioni delle Ferrovie Tedesche, Svizzere e Austriache Milano in via Napo Torriani 29, tel. 02 67479578 Roma, via Tagliamento 27/b e-mail a: info@dbitalia.it