16 Maggio 2012

La costa occidentale danese

In Danimarca è stata realizzata una rete di itinerari ciclabili lunga 4.000 km divisi in 11 percorsi. Ve ne presenteremo alcuni. Iniziamo con quello che lega Rudbøl a Skagen

In Danimarca è stata realizzata una rete di itinerari ciclabili unica nel suo genere. Ben 4.000 km suddivisi in 11 differenti percorsi che collegano singole località del paese e la maggior parte delle città principali, conducendo il visitatore a conoscere molte delle più importanti attrazioni danesi – sia quelle realizzate dall’uomo sia quelle create dalla Natura.

Gli itinerari ciclabili sono dotati di apposita segnaletica e tracciati su 14 cartine del Paese che è possibile trovare nei siti di riferimento dedicati a chi pedala.

Di volta in volta cercheremo di pubblicare degli itinerari alla scoperta della Danimarca in bici.

ITINERARIO DELLA COSTA OCCIDENTALE

L’itinerario della costa occidentale, che lega Rudbøl a Skagen, attraversa alcune delle zone naturalisticamente più rilevanti della Danimarca, con ampi e aspri panorami, unici nel loro genere e un paesaggio che cambia continuamente: dalle vaste distese umide dello Jutland Sud occidentale (nella zona del Vadehavet) fino alle morbide dune e alle larghe spiagge che costeggiano il percorso fino a Skagen. Il vento che soffia da sud ovest ti avvolgerà nel profumo delle alghe e della salsedine, e per tutto il tempo, ti accompagnerà il respiro e la potenza del mare. Visitando uno dei tanti musei di storia locale, potrai farti un’idea di come un tempo l’uomo dovesse combattere per assicurarsi il necessario per vivere e di come la terra dovesse lottare contro la forza del Mare del Nord.

L’itinerario è percorribile in entrambe le direzioni ma, a causa della prevalenza di venti da ovest o sud ovest, è preferibile viaggiare da sud verso nord.

Il tracciato del Mare del Nord è lungo 550 chilometri, un terzo dei quali su tracciati di ghiaia o terra battuta. È necessario pertanto montare gomme non troppo sottili. Il restante percorso è su asfalto. Per lunghi tratti, l’itinerario si sviluppa su piste ciclabile vietate alle auto. Non vi sono salite, e l’itinerario è affascinante e variato – decisamente adatto a tutta la famiglia.

Se sceglierete questo itinerario vi serviranno le seguenti cartine: Sud Jutland, Ribe, Ringkjøbing, Viborg e Nord Jutland.


Il paesaggio da Rudbøl a Skaw

Da Rudbøl a Esbjerg si attraversa la zona del Vadehavet che ricade in territorio danese. Si tratta di un territorio molto particolare, che non è mare e neanche terraferma. Il paesaggio è incredibilmente bello, ed è possibile osservare da vicino la fauna e gli uccelli caratteristici di questa zona.

Presso il Vadehav Center e Mandøhuset vi sono esposizioni molto interessanti relative alle zone umide costiere e a quelle acquitrinose. Per saperne di più, si può partecipare a una visita guidata con uno dei Ranger, per osservare i diversi ambienti da vicino. Una passeggiata con gli stivaloni di gomma fino agli allevamenti di mitili, in compagnia di una guida naturalistica, è un’esperienza molto istruttiva.

Quando si parla di Mare del Nord e delle sue spiagge sabbiose, il pensiero corre automaticamente all’ambra. L’ambra è l’oro del mare, e in Danimarca ha una lunga storia. Se sei fortunato, potresti trovarne un pezzetto, specie se ti metti a cercare di buon mattino dopo una tempesta. Altrimenti puoi sempre fare una visita in uno dei meravigliosi musei dedicati all’ambra: ve ne sono, fra l’altro, a Oksbøl, Sønderlev e Skagen.


Lungo la costa

Da Blåvandshuk fino a Skagen, lungo l’intera costa occidentale, vedrete brughiere, dune, boschi e ampie spiagge sabbiose. Questa è una delle zone preferite dai danesi per le loro vacanze, ma, grazie a una severa legge di protezione delle coste, quasi non te ne accorgerai. Le case vacanza e i campeggi quasi si nascondono lungo la costa, e da nessuna parte vi sono palazzoni o cortine di alberghi, come nello stile di Maiorca.

Il viaggio lungo la costa dello Jutland del Nord è estremamente interessante. È possibile, ad esempio, osservare la potenza del mare e il movimento delle dune in diverse località quali Rubjerg Knude, Svinkløve, la chiesa di Skallerup e Råbjerg Mile. Nel nuovo Centro Naturalistico Skagen Odde, ospitato in edifici disegnati dal noto architetto Jørn Utzon, vi sono esposizioni dedicate alla sabbia, all’acqua, al vento e alla luce.


Cosa vedere lungo la strada

Lungo l’itinerario nazionale n°1 è possibile incontrare i Vichinghi. A Ribe troverai il Museo Ribes Vikinger e, appena un po’ più avanti, il Centro Vichinghi di Ribe, un museo all’aperto popolato, durante il periodo estivo, da autentici “vichinghi”.

La storia di questa zona è illustrata nei tanti musei storici, molti dei quali ospitati all’interno di vecchie stazioni della guardia costiera, come, ad esempio, a Nymindegab. Visitando luoghi quali la fattoria di Abeline e il faro Nørre Lyngvig, potrete apprendere diversi aspetti della storia di questi luoghi e lasciarti conquistare dal fascino di questa parte della Danimarca.


I pescatori e il mare

Holmsland Klit è un promontorio lungo 40 km, che separa il fiordo di Ringkjøbing dal Mare del Nord, talmente sottile che si può osservare il mare contemporaneamente da entrambi i lati. Hvide Sande è sede di una fiorente attività marinara, e vale la pena fermarsi per immergersi nell’atmosfera del porto e vedere il freschissimo pescato.

L’atmosfera degli antichi porti pescherecci è ancora intatta un po’ più a nord: a Vorupør, con le sue caratteristiche barche azzurre che vengono ancora tirate in secco come una volta, e a Skagen, dove il porto e la tradizione marinara hanno originato una delle più note località turistiche danesi. Altri aspetti dell’attività dei pescatori si possono osservare a Hirtshals e Hanstholm, dove è possibile partecipare all’asta del pesce

 

PER ORGANIZZARE LA VOSTRA VACANZA IN BICI IN DANIMARCA CLICCARE QUI


E' POSSIBILE SCARICARE  QUI LA BROCHURE DEDICATA AL TURISMO IN BICI