02 Dicembre 2013


In bici sulle ferrovie dimenticate del Belpaese




In attesa della Giornata nazionale 2014, parte l’iter di legge per convertire i binari morti in percorsi per il cicloturismo e il trekking. Un tesoro per la mobilità dolce ancora in gran parte da scoprire e da valorizzare.

Un reticolo fitto di binari che oggi conta 6.000 chilometri di rami secchi. Sono le tratte abbandonate che possono essere recuperate, senza grande spesa, per il cicloturismo e il trekking. Un obiettivo che da anni Co.mo.do, la Confederazione della Mobilità Dolce, ricorda attraverso la Giornata nazionale delle Ferrovie dimenticate, in programma il 2 marzo 2014 per la settima edizione.

 

PER SAPERNE DI PIU' CLICCA QUI